Gli effetti devastanti di una bomba atomica

0
36

Le armi nucleari sono state usate due volte, nelle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki nell'agosto 1945.

Le prove raccolte in queste occasioni, così come i test nucleari atmosferici e gli incidenti nucleari hanno costituito la base della nostra conoscenza degli effetti delle armi nucleari.

Le armi nucleari moderne hanno generalmente un potere esplosivo molto maggiore rispetto alle prime due bombe e aumenterebbero notevolmente la portata della devastazione.

bomba-atomica-hiroshima-e-nagasaki Gli effetti devastanti di una bomba atomica Energia Nucleare

Gli effetti possono essere suddivisi in quattro categorie: istantanei, quasi immediati, a breve termine e a lungo termine.

Istantanei

Il cuore di un'esplosione nucleare raggiunge una temperatura di diversi milioni di gradi centigradi. Su un'ampia area, il calore che ne risulta viene letteralmente vaporizzato da tutto il tessuto umano. A Hiroshima, in un raggio di mezzo miglio, gli unici resti della maggior parte delle persone scoperte all'aperto erano le loro ombre bruciate in pietra.

Quasi immediati

Le persone all'interno degli edifici o parati in modo simile saranno indirettamente uccise dagli effetti dell'esplosione e del calore al collasso degli edifici e tutti i materiali infiammabili  che esploderanno in fiamme. Il tasso di mortalità immediata sarà superiore al 90 per cento. Diversi incendi individuali si uniranno per produrre una tempesta d'incendio, dato che tutto l'ossigeno verrà consumato.

Con l'aumentare del calore, l'aria viene aspirata dalla periferia al livello del suolo o in prossimità di esso. Ne conseguono venti fortissimi, uragani letali e un incendio permanente, mentre l'ossigeno fresco viene bruciato. Tali tempeste di fuoco sono state provocate anche da intensi bombardamenti convenzionali su larga scala in città come Amburgo e Tokyo.
Le persone che vivono nei rifugi sotterranei che sopravvivono al calore iniziale del flash muoiono perché tutto l' ossigeno viene aspirato dall'atmosfera.

Al di fuori dell' area di distruzione totale ci sarà una percentuale gradualmente crescente di sopravvissuti immediati. Tuttavia, la maggior parte di questi soffrirà di ustioni mortali, rimarranno cechi, sanguineranno da schegge di vetro e avranno subito gravi lesioni interne. Molti saranno intrappolati in edifici crollati e bruciati. Il tasso di mortalità sarà più elevato che nel caso di  una catastrofe normale, poiché la maggior parte dei servizi di emergenza non sarà in grado di rispondere a causa della distruzione delle loro attrezzature e della morte del personale. La vastità delle vittime travolgerebbe le risorse mediche di qualsiasi paese. La Croce Rossa Internazionale ha concluso che l'uso di una singola arma nucleare in una zona popolata o nelle vicinanze potrebbe causare un disastro umano che sarà "difficile da affrontare".

Attualmente non esiste un piano internazionale per fornire assistenza umanitaria ai sopravvissuti in caso di attacco nucleare. La maggior parte delle vittime riceverebbe nel migliore dei casi un trattamento palliativo minimo. Il meglio che si spera è morire nel minor dolore possibile.

Breve Termine

I sopravvissuti saranno colpiti in pochi giorni da cadute radioattive. L' entità della caduta varierà a seconda che la bomba nucleare esploda nell'aria (come a Hiroshima) o in caso di urto al suolo. Mentre il primo comporterà un maggiore impatto con l' esplosione, il secondo genererà nell'atmosfera quantità molto maggiori di detriti radioattivi.
L'area coperta dalla caduta è determinata dalla velocità e dalla direzione del vento. Le particelle più pesanti di materiale radioattivo cadono nelle immediate vicinanze. Le particelle più fini vengono soffiate su lunghe distanze prima di scendere.

Le particelle molto fini possono essere soffiate ulteriormente prima di combinarsi con il vapore acqueo e cadere sotto la pioggia radioattiva. In seguito all'esplosione nucleare di Chernobyl e all'incendio in Ucraina nel 1986, le piogge radioattive sono cadute nei prossimi giorni in un ampio arco di tempo nell'Europa settentrionale, dalla Scandinavia alla Scozia, dalla Cumbria al Galles, a oltre 1.700 miglia da Chernobyl.

Gli effetti dell' esposizione ad alti livelli di caduta radioattiva includono la perdita dei capelli, emorragie dalla bocca e dalle gengive, emorragie interne e diarrea emorragica, ulcere gangrenose, vomito, febbre, delirio e coma terminale. Non c' è un trattamento efficace e la morte segue in pochi giorni.
A livelli di esposizione più bassi, mentre vi sono maggiori possibilità di sopravvivenza almeno a breve termine, il tasso di mortalità rimane elevato. Coloro che sopravvivono devono affrontare molte complicazioni. Le donne incinte sono suscettibili di abortire o partorire bambini con una serie di disabilità. La guarigione da lesioni è spesso lenta, lasciando tessuto cicatriziale distintivo. È probabile che il sistema immunitario sia danneggiato.

Lungo termine

I tumori indotti dalle radiazioni colpiranno molti, spesso più di vent'anni dopo. Alcuni tumori come il cancro alla tiroide nei bambini sono particolarmente associati all'esposizione alle radiazioni. I figli di coloro che sono esposti alle radiazioni hanno maggiori probabilità statisticamente di nascere con anomalie e soffrono di leucemia. A causa del lungo periodo che intercorre tra l'esposizione e l' insorgenza del cancro, è difficile attribuire un determinato cancro a una causa particolare. La correlazione è descritta come epidemiologica, piuttosto come il legame tra fumo e cancro del polmone è stato statisticamente stabilito prima che i collegamenti medici erano stati scoperti.

Non è possibile stimare con precisione i decessi a lungo termine di Hiroshima e Nagasaki, a causa della distruzione su larga scala dei record, dei movimenti di popolazione e di una censura generale sugli effetti nucleari da parte del regime di occupazione statunitense. Tuttavia, le stime generalmente utilizzate sono 140.000 a Hiroshima e 75.000 a Nagasaki.

Le armi nucleari causano gravi danni al clima e all'ambiente su una scala incomparabile a qualsiasi altra arma. Le ricerche della Croce Rossa Internazionale mostrano l'effetto di una guerra nucleare "limitata" che coinvolge 100 bombe di dimensioni Hiroshima (cioè meno di mezzo per cento delle scorte mondiali). I cinque milioni di tonnellate di fuliggine prodotte dagli incendi che ne derivano provocherebbero un calo medio della temperatura globale di 1,3 °C. Il clima mondiale perturbato avrebbe un impatto schiacciante sulla produzione alimentare. La Croce Rossa stima che un miliardo di persone in tutto il mondo potrebbe soffrire la fame a causa della guerra nucleare.

 

No votes yet.
Please wait...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here