Il fiore di narciso e le sue proprietà curative

0
262

Il fiore Narciso o Narcissus, chiamato in quest’ultima maniera per non essere confuso con il protagonista del mito greco, appartiene alla famiglia delle Amaryllidaceae.

Le sue origini sono totalmente europee e prendono il nome dal greco, narkào, che significa “stordisco”. Il suo significato è collegato alla sua principale caratteristica, ovvero il suo forte profumo inebriante.

Indice dei contenuti

Caratteristiche del fiore

Con il nome narciso si intende il fiore che sboccia dal bulbo da marzo fino a giugno. Alcuni fiori di narciso variano da specie a specie e in alcuni casi non sembrano nemmeno essere lo stesso fiore. Generalmente la forma del fiore si presenta come due corone, una più grande ed esterna e una più piccola all’interno di quella più grande. La parte interna spesso e volentieri è di qualche tonalità più scura di quella esterna e ha una forma più simile a una trombetta, più stretta ed accogliente dell’altra.

In natura, il narciso è bianco o giallo, ma esistono poi gli ibridi che sono frutto di un minuzioso e paziente lavoro realizzato dalle mani esperte dei coltivatori. Grazie al loro lavoro si possono trovare in commercio narcisi di altri colori come l’arancio e il rosa e realizzare le composizioni che più ti piacciono per il tuo giardino o vaso.

I fiori di narciso sono generalmente unici, ovvero per ogni stelo ne nasce solo uno e sono formati da 6 petali e attirano da sempre la nostra curiosità.

La pianta di narciso

La pianta di narciso fa parte della categoria delle bulbose, vuol dire che i fiori e le foglie si sviluppano e nascono dal bulbo che si trova sottoterra e non dai semi.

Il fiore l’abbiamo descritto poco fa, le foglie del narciso invece, sono di un verde vivace e hanno una forma a nastro erette e sono posizionate solo alla base dello stelo. Ci sono tantissimi specie di narciso e molte di esse nascono spontanee in Italia e sono chiamate Narcissus poeticus, meglio noto come narciso selvatico o fior di maggio.

Parlando della pianta di narciso è doveroso precisare e ricordare che sia il bulbo che le foglie hanno al loro interno un alcaloide molto velenoso che se ingerito accidentalmente può provocare infiammazioni gastriche e disturbi neuronali negli animali che lo incontrano durante il loro pascolo. Stessa gravità vale anche per l’uomo che non deve distrarsi dalla sua bellezza e se lo ingerisce accidentalmente deve curarsi immediatamente entro le 24 ore, rischio la morte.

Come si rischia di ingerire questo liquido? È semplice, il bulbo è molto simile alle cipolle ma tenete bene a mente che la cipolla fa lacrimare gli occhi e il bulbo del narciso no, provoca la morte.

Le proprietà curative del narciso

Accantonate le sue caratteristiche velenose, tutta la pianta e in particolare il bulbo hanno proprietà analgesiche, antipiretiche, antispasmodiche, anticonvulsive e febbrifughe.

Inoltre, il fiore e il bulbo del narciso sono adoperati per la cura di ascessi, mastiti e foruncoli. Oltre a queste non esistono molte altre certezze scientifiche sulle proprietà benefiche e curative del narciso, la più certa rimane quella tossica narcisina.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here